Il Comitato di Lotta per la Casa inizia le trattative con il Comune: nuovo incontro Lunedì

Via Monte Grigna 11, gli abitanti: “Dialoghiamo con il comune ma l’elettricità deve essere riallacciata e ci devono dare la possibilità di pagarla”

Bergamo – Sono usciti da Palazzo Frizzoni poco prima delle 20. Gli attivisti e le attiviste del Comitato di Lotta per la Casa di Bergamo hanno incontrato il sindaco Giorgio Gori e una delegazione dell’amministrazione in merito al distaccamento dell’energia elettrica nella palazzina di Via Monte Grigna 11, avvenuto oramai il 6 agosto scorso.

L’incontro è stato interlocutorio e abbiamo deciso di rivederci lunedì 9 settembre alle 14.30 – spiega un attivista del Comitato – Abbiamo chiesto al comune di riconoscere il valore politico e sociale del lavoro fatto per fronteggiare l’emergenza abitativa. Abbiamo consegnato loro un documento in cui si trovano tutte le informazioni sul passato e sul progetto di autorecupero della palazzina che per noi rappresenta il futuro dello stabile e dei suoi abitanti” spiega un attivista del comitato.

Ma le richieste rimangono le stesse: “Per noi è importante che le famiglie e chi abita lì dentro viva in condizioni dignitose: niente elettricità significa rischi sanitari, soprattutto con l’arrivo dell’inverno“.

Subito dopo l’incontro il comitato ha convocato un’assemblea pubblica alle 21 presso il circolo Arci Barrio Campagnola, in Via Ferruccio Dell’Orto 20 a Bergamo: “Prima di tutto è per noi l’occasione per ringraziare tutte e tutti coloro che in queste settimane ci hanno mostrato solidarietà e vicinanza. Grazie a loro l’energia non ci è mancata e non ci mancherà” concludono gli attivisti.

In assemblea si è parlato del futuro della palazzina di Celadina e dei suoi abitanti, tra cui c’è anche una famiglia con due minori a carico.

Intanto il sindacato degli inquini Asia rimane ancora in attesa di una risposta da parte della prefetta Elisabetta Margiacchi, alla richiesta di incontro fatta per parlare della situazione degli abitanti: “Aver staccato l’elettricità rappresenta una grave violazione dei diritti che non tiene in conto della presenza di adulti e minori nella palazzina, che con tutte le difficoltà sono riusciti a vivere queste settimane, ma sicuramente non riusciranno a farlo con l’arrivo dell’inverno” spiegano dal sindacato.

Qui il documento presentato dal comitato alla delegazione dell’amministrazione comunale.

Leave a Reply