L’otto marzo Bergamo torna in piazza contro la violenza di genere

BergamoDopo un anno, di nuovo l’otto marzo vedrà anche a Bergamo lo sciopero e un corteo contro la violenza di genere: la manifestazione, organizzata da Nonunadimeno Bergamo, i centri antiviolenza e diverse sigle e associazioni del territorio, è fissata con partenza alle 18 dal piazzale della Malpensata. Il “no” riguarda la violenza di genere in ogni sua forma, fisica, psicologica e sul lavoro, a fronte dei dati sempre più allarmanti che riguardano anche la città di Bergamo. Inoltre, il corteo dichiarerà il proprio sostegno ai centri antiviolenza, per il lavoro quotidiano e fondamentale portato avanti nel supporto alle donne maltrattate. Infine, le organizzatrici hanno sottolineato che quest’anno il tema verrà declinato anche in chiave antifascista e antirazzista: è evidente infatti come spesso in nome della difesa delle donne si attuino discriminazioni e violenze, in particolare di matrice razzista, appropriandosi dei corpi femminili e usando chi viene uccisa o maltrattata per diffondere discriminazione e maschilismo.

Il percorso si snoderà nel centro di Bergamo per concludersi poi in via XX Settembre e al megafono si susseguiranno interventi di associazioni, sindacati e sigle cittadine che si occupano di violenza di genere in tutte le sue declinazioni. La situazione resta però critica: in Italia una donna su tre ha subito violenza fisica o psicologica almeno una volta, ogni anno circa 150 donne vengono uccise da uomini violenti e una donna su sei in Italia negli ultimi tre anni è stata ricattata e molestata sul lavoro.

 

 

Leave a Reply